5 cose da sapere, Fai da te

24 maggio 2019

Pulizia e trattamento cotto esterno dalla posa alla manutenzione: 5 cose da sapere

Si fa presto a parlare di pulizia e di trattamento cotto, ma questo materiale a seconda del proprio "ciclo di vita" necessita di cure specifiche, scopriamole tutte!

Il cotto è uno dei materiali esterni più amati e scelti per allestire e decorare aree sia esterne che interne di casa.
Ma non tutti sanno che il cotto, nonostante la propria resistenza, è un materiale molto delicato e necessità di una particolare attenzione durante ogni sua fase “di vita”.
Non dimentichiamoci infatti che il cotto è un composto fatto da argilla e acqua e che, se da una parte questo gli conferisce resistenza, dall’altra lo rende un materiale vulnerabile che trattiene liquidi e sporco molto più facilmente rispetto alle superfici in ceramica.
Se dovessimo compilare una tabella illustrativa su punti di forza e di debolezza del cotto, la porosità guadagnerebbe la prima posizione tra i punti deboli.
Dal momento della posa, passando da quello della pulizia, per arrivare alla manutenzione straordinaria, il cotto necessita di trattamenti specifici che oggi abbiamo deciso di riassumere e illustrare in 5 utili consigli, iniziamo.

1. Ahi, ahi la pulizia post posa!

Tutti quanti prima o poi nella vita avranno provato o proveranno l’ebrezza di dover pulire casa dopo dei lavori di costruzione e solo in quel momento tutti scopriranno quanta fatica questo tipo di pulizie richiede.
I pavimenti in cotto, non sono di certo esenti da questo tipo di intervento. La pulizia di pavimenti in cotto esterni post cantiere, richiede particolare attenzione e, per rimuovere efflorescenze e residui cementizi, certamente molta energia.
Ma per non sbagliare e cercare di fare meno fatica possibile possiamo seguire semplici passaggi. Scopriamoli insieme.

Dopo un cantiere, la prima cosa da fare è: aspettare.
Sì, avete capito bene, dopo la posa è assolutamente indispensabile far passare del tempo, far respirare il materiale e assicurarsi che la superficie “asciughi molto bene”.

Una volta perfettamente asciutto, per eliminare efficacemente tutti i residui, vi consigliamo un trattamento cotto composto da: VIACEM un detergente per il lavaggio disincrostante di cotto, terrecotte, klinker, ciottoli anticati e tutti i materiali resistenti agli acidi forti.
Consigliamo, prima di applicarlo su tutta la superficie, di fare una piccola prova su materiale per verificare la resistenza del prodotto. Una volta verificata la resistenza spargiamolo sul pavimento, o puro o diluito a seconda della tipologia di sporco da rimuovere, e strofiniamo energicamente con TAMPONI MARRONI. Alla fine, è necessario sciacquare con abbondante acqua.

Trattamento-cotto

2. È importante pulire il cotto esterno ogni giorno?

Per mantenere nel tempo il cotto bello e brillante, la pulizia “quotidiana” è sicuramente fondamentale!
Se poi parliamo di cotto per esterno sicuramente la cura dedicategli deve essere maggiore.
Il cotto esterno infatti è soggetto a incontrare, rispetto a quello interno, uno sporco ancora più ostinato e difficile da eliminare.
Per contrastare questo tipo di sporco vi consigliamo come prima cosa di spazzare ogni giorno con una scopa di saggina la superficie, così facendo eviteremo l’incrostazione di sostanze vegetali come foglie e residui naturali che, se lasciati macerare, tenderanno a creare patine resistenti.
Oltre a spazzare la pavimentazione, ricordiamoci che la pulizia dei pavimenti in cotto esterni va eseguita regolarmente, avendo sempre cura di utilizzare prodotti dedicati.

Per lavare il cotto possiamo provare a realizzare un detersivo fai da te miscelando 2 litri d’acqua, mezzo bicchiere di aceto bianco e delle scaglie di sapone vegetale neutro.
Oppure, per avere dei pavimenti in cotto stupendi, più comodamente potremo utilizzare un prodotto specifico molto delicato come UNIPUL: un detergente concentrato ad impiego multifunzionale, adatto per una pulizia sgrassante intensiva su tutte le superfici dure. Caratterizzato da una bassa schiumogenità, non lascia aloni e garantisce un gradevole profumo negli ambienti.

trattamento-cotto

3. Cotto esterno: come possiamo combattere l’umidità?

L’umidità è una delle principali nemiche del cotto esterno!
Se spesso guardando la vostra terrazza vi domandate qual è la causa di quelle fastidiose macchie bianche sul cotto, siete nel posto giusto per scoprire la risposta. Le macchie bianche sono generate proprio dall’umidità.
Vincere la battaglia contro l’umidità però non è per nulla semplice, quindi partire in anticipo accelerando i tempi con un trattamento cotto anti-umidità, ci sembra la soluzione ideale per contrastarne la comparsa.

Per effettuare un trattamento su cotto anti-umidità e anti-macchia consigliamo un prodotto veramente efficace come: TIM, un protettivo impregnante che forma una barriera idrorepellente evitando e contrastando fortemente la risalita di umidità e la penetrazione dei liquidi su tutti i materiali porosi. Facile da applicare, per eseguire questo trattamento su cotto basta seguire semplici passaggi e avere:
-una spugna;
-un vello spandicera;
-un panno in microfibra.
Una volta bagnata uniformemente e interamente la superficie con il prodotto, basterà aspettare il perfetto assorbimento del materiale (solitamente dalle 4 alle 8 ore) e il gioco è fatto!

trattamento-cotto

4. Mantenimento cotto a lungo termine

Come tutte le superfici, gli oggetti, i materiali, più cura si rivolgerà ad essi e più a lungo questi potranno godere di lunga e brillante vita. Quindi oltre alla pulizia ordinaria, ricordiamoci di effettuare periodicamente su questi tipi di materiali trattamenti specifici, come per esempio un trattamento antivegetativo con PAV05: un prodotto in emulsione resino-cerosa resistente agli agenti atmosferici per la finitura di cotto. Un trattamento per il cotto che previene e combatte la comparsa di tutti i tipi di piante nocive come alghe e muschi che con il tempo tendono a rovinare e soprattutto a macchiare il cotto.

5. Bene la pulizia, ma come far brillare un pavimento in cotto?

É molto probabile che con il passare del tempo il nostro pavimento esterno in cotto perda la propria brillantezza originaria.
Ma non dobbiamo preoccuparci perché esistono dei metodi naturali che ci aiuteranno a far brillare nuovamente i nostri pavimenti.
Come prima cosa, per far risplendere il cotto occorrerà spargere dell’olio di lino su tutta la superficie e lasciare che si assorba del tutto. Una volta asciutto, il giorno dopo, ripetete la medesima azione. Passate altre 24 ore, bagniamo la superficie con della cera d’api, lasciamo asciugare e ripetiamo l’operazione almeno un paio di volte all’anno.

Seguendo questi 5 consigli di pulizia e manutenzione,
i nostri pavimenti in cotto rimarranno affascinanti e brilleranno per molto, molto tempo!

LEGGI ANCHE: Trattamento per un pavimento in cotto antico

Articoli più letti

Vedi tutti